"Wszystko możliwe dla wierzącego" (Mk 9,23)


Abstract

La confessione e la domanda del padre manifestano due dimensioni complementari delia fede. Da una parte, la fede e un atto urnano - ił padre prima la professa: «Credo ». Dall'altra parte, essa e un necessario don o che compieta e sostiene l'imperfetto atto umano - il padre chiede a Gesu: «Aiutami nella mia incredulita!». L'esorcismo riuscito dimostra che il padre ha interpretato adeguatamente le parole di Gesu: «Tutto possibile per chi crede», riconoscendo in esse l'esortazione rivolta a lui. Gesu quindi non si presenta come modello del credente, ma chiama chi prega alla fede. L'esorcismo prova il compimento della domanda de l padre, manifestando il ruolo irrepetibile di Gesu nella relazione degli uomini con Dio. Gesu conferisce un aiuto divino agli uomini nella loro fede. La sua relazione filiale con il Padre costituisce un fondamento di questo suo agire. Alla relazione perfetta corrisponde l'unione della sua volonta con la volonta di Dio, che si esprime nella preghiera. La preghiera di Gesu e il modello per formare la relazione di ogni uomo con Dio.


Published : 2016-01-24


Malina, A. (2016). "Wszystko możliwe dla wierzącego" (Mk 9,23). Verbum Vitae, 5, 89-105. https://doi.org/10.31743/vv.1355

Artur Malina  naporus@gmail.com




Authors who publish with this journal agree to the following terms:

(1) Authors retain copyright and grant the journal right of first publication with the work simultaneously licensed under a Creative Commons Attribution License (CC license Attribution-NoDerivatives 4.0 International) that allows others to share the work with an acknowledgement of the work's authorship and initial publication in this journal. 

(2) Authors are able to enter into separate, additional contractual arrangements for the non-exclusive distribution of the journal's published version of the work (e.g., post it to an institutional repository or publish it in a book), with an acknowledgement of its initial publication in this journal.

(3) Authors are permitted and encouraged to post their work online (e.g., in institutional repositories or on their website) prior to and during the submission process, as it can lead to productive exchanges, as well as earlier and greater citation of published work (See The Effect of Open Access).